Tu sei qui

L’Erbazzone del “TestaMI” di Milano

L’Erbazzone del “TestaMI” di Milano

Dosi per 6-8 persone – Tempo: 90 minuti – Difficoltà: media.
Ingredienti per il ripieno: 300 gr di spinaci, 200 gr di coste, 1 patata media, ½ cipolla, ½ zucchina, 100 gr di parmigiano 24 mesi, 3 uova, sale e olio qb. Per l’impasto: 600 gr di farina “00”, 250 ml di acqua, 50 ml di olio extravergine di oliva, 10 gr di sale fino.

Preparazione: versate a pioggia la farina su una spianatoia, formate un incavo al centro, mettete l’olio, l’acqua e il sale, mantecate fino ad ottenere un impasto omogeneo. Formate con l’impasto una palla, coprite con la pellicola e fate riposare per circa 20 minuti. Intanto tagliate tutte le verdure in pezzetti della stessa misura. Fate rosolare in una padella con un cucchiaio d’olio, coprite con acqua e fate cuocere fino a far asciugare il liquido di cottura. Dopo aver fatto raffreddare le verdure aggiungete il parmigiano, le uova e il sale. Con una metà dell’impasto, che avete fatto riposare, preparate una sfoglia e rivestite una teglia di circa 28 cm, avendola prima imburrata. Versale le verdure cotte su tale sfoglia, ricoprite con l’altra metà e sigillate bene i bordi. Se volete potete spennellare la superficie con un tuorlo sbattuto, così risulterà maggiormente dorata. Mettete in forno già caldo a 220° C per 30 minuti.

La ricetta sembrerebbe emiliana, ma Marco Vitolo, milanese di nascita e lunigianese adottivo, garantisce che anche in quella “terra di mezzo” che è la sua Lunigiana l’Erbazzone s’incontra facilmente. E sì, perché la Lunigiana è un cuscinetto stretto fra l’Appennino Tosco-Emiliano, le Alpi Apuane e il mare, che si situa a nord della Versilia, si estende nell’entroterra di La Spezia e Massa-Carrara e lambisce la provincia di Parma: logico che da quelle parti si attinga a più tradizioni regionali. E forse questa è la sua fortuna e la sua ricchezza. Marco Vitolo, nel suo piccolo punto di ristoro/take away in via Solari, a Milano, che ha voluto chiamare “Testami”, si barcamena bene fra prodotti tipici e sapori paesani: cito ad esempio la mortadella (un salame a grana grossa), il pane sciapo integrale, l’olio evo, il miele, i vini rossi caratteristici del territorio, torte salate di vario tipo, gli sgabei e soprattutto i testaroli, che danno il nome al locale.

 

Si tratta di un cibo povero e antichissimo, che si ottiene con una pastella solo di acqua, farina di grano o farro, sale, con cui si forma una crespella di pochi millimetri di spessore. Dopodiché la si stende nel caratteristico “testo”, specie di grossa teglia in ghisa, con un “soprano”, il coperchio, e un “sottano”, il fondo. Il testo è stato precedentemente arroventato sul fuoco, e poi tolto. Dopo pochi minuti di cottura, si stacca il testarolo e lo si taglia a striscette. I testaroli si cucinano in acqua calda, non bollente, per un minuto o anche meno: pensate che a quelli di Marco bastano dieci secondi! Si condiscono come la pasta, un classico lunigianese è il “pesto povero”: parliamo quindi di una spolverata di Parmigiano Reggiano, un trito di basilico e un giro d’olio extravergine di oliva. Ma le varianti sono tante quanti i condimenti per la pasta: sugo al pomodoro, funghi, carne, salsiccia, formaggi. Dite che servirebbe una ricetta? Benissimo, alla prossima.

Written by 

Infermiera prestata alla cucina, porta accanto ai fornelli la stessa precisione della professione. Inizia come Blogger per divertimento, poi diventato un impegno preso molto sul serio, che l’ha portata a collaborare con numerosi magazine online. Il suo è: “meglio innovare con la sperimentazione che stancare con la tradizione”. apelia62@gmail.com

Leggi anche...

Pin It on Pinterest