Tu sei qui

Tonno di coniglio con carote, peperone e polvere di olive

Tonno di coniglio con carote, peperone e polvere di olive

Dosi per 4 persone – Tempo: 60 minuti più 3 ore per la polvere di olive – Difficoltà: facile

Ingredienti: 2 cosce di coniglio, 2 spalle di coniglio, 1 gambo di sedano, ½ cipolla, 4 foglie di salvia, 2 foglie di alloro, 1 limone, 1 bicchiere di vino bianco, 4 piccole carote, 1 porro, 1 peperone rosso, 1 spicchio di aglio,1 filetto di acciuga sott’olio, olio evo qb, pepe e sale qb,polvere di olive nere.

Fate un brodo con sedano, cipolla, scorza di limone, 2 foglie di salvia, 1 foglia di alloro e sale. Quando bolle immergete il coniglio e fate sobbollire per 20 minuti. Fate raffreddare immerso nel brodo.Disossate il coniglio, mettetelo in un contenitore  con 2 foglie di salvia, 1 di alloro e copritelo di olio evo; fate riposare per almeno 20 minuti.
Per la salsa al peperone: rosolate ½ spicchio di aglio con l’olio e l’acciuga. Appena l’olio profuma aggiungete il peperone a spicchi, i porri, un po’ d’acqua e portate a cottura, regolate di sale se necessario e filtrate (se necessario setacciate).
Per la polvere di olive: spezzettate le olive grossolanamente e cuocete in forno ventilato a 90° per 3 ore, dopodiché frullate le olive per ridurle in polvere. Rosolate le piccole carote nel burro. Servite il coniglio ben sgocciolato con le carotine, la salsa di peperone e la polvere di olive.

Di sicuro non si rischia la noia né il già visto, con questa ricetta: si può dire che esprime con esattezza il carattere dell’autrice, la chef  Simona Benetti del “Battipalo”,  ristorante di Lesa (NO) con magnifica veranda sul Lago Maggiore. Oltre al paesaggio incantevole, Simona e suo marito Gabriele Boggio riescono ad offrire ai turisti di passaggio e ai clienti abituali quel qualcosa in più, che la tradizione pura e semplice non  può trasmettere.  Le lumache, pertanto, saranno fritte nella farina di grano saraceno e accompagnate da radici di prezzemolo e porcini. E non aspettatevi delle semplici linguine col pesce, perché  al “Battipalo” ve le faranno trovare di farro e orzo, con cime di rapa e  bagna cauda di lavarello.  In altre parole c’è da divertirsi, in cucina e a tavola: meglio così, altrimenti ci si può anche accontentare della solita trattoria o della mensa aziendale.

Written by 

Infermiera prestata alla cucina, porta accanto ai fornelli la stessa precisione della professione. Inizia come Blogger per divertimento, poi diventato un impegno preso molto sul serio, che l’ha portata a collaborare con numerosi magazine online. Il suo è: “meglio innovare con la sperimentazione che stancare con la tradizione”. apelia62@gmail.com

Leggi anche...

CORSO DI AVVICINAMENTO ALLA BIRRA8684687204975274239

Impara a riconoscere e assaggiare una Birra in 5 lezioni. Per i primi 10 iscritti sconto di €50,00.

PER SAPERNE DI PIU’ CLICCA QUI!

Pin It on Pinterest