Tu sei qui

Bocconcini di lavarello della “Cantina del Baffo”

Bocconcini di lavarello della “Cantina del Baffo”

Ingredienti per 4 persone

Elisir di pizza.  1 kg di pomodorini,10 gr di maggiorana fresca,50 gr di capperi dissalati,50 gr di olive taggiasche,sale e pepe qb.
Passate tutti questi ingredienti in centrifuga. Scaldate leggermente legandolo, se necessario, con un po’ di xantana (un addensante) e tenete in caldo.
Per la schiacciata di patate.  400 gr di patate,100 gr di porro,olio evo qb, sale e pepe qb.
Cuocete le patate con la buccia al forno, preriscaldato a 180 gradi, per 40 minuti. Una volta cotte pelatele e schiacciatele con una forchetta – tenetele da parte. Pulite il porro e affettatelo a rondelle sottili, fatelo stufare in padella a fuoco moderato con un po’ di olio evo. Quando sarà cotto unite le patate e controllate  il sapore.
Bocconcini di lavarello.   520 gr di polpa di lavarello, 1 spicchio d’aglio, 4 foglie di salvia, 1 bianco d’uovo, sale e pepe qb., olio evo.
Con l’aiuto di una spatola di gomma passate i filetti di lavarello (senza pelle e spine) al setaccio. Raccogliete la polpa in una ciotola, aggiungete l’albume e se necessario anche il sale. Stendete l’impasto di lavarello su della carta forno dando la forma quadrata dello spessore di 2 cm, quindi tagliate a piccoli cubi di 2 cm per lato. In una padella antiaderente mettete un filo di olio, le foglie di salvia e lo spicchio d’aglio, e rosolate i dadi di lavarello da tutti i lati. Asciugateli leggermente su della carta assorbente.
Presentazione del piatto.  Con un disco tagliapasta rotondo fate un cerchio di patate e porri, spargeteci sopra la dadolata di lavarello e condite il tutto con l’elisir di pizza.

La ricetta è dello chef Isidoro Consolini del ristorante “La cantina del Baffo”, aperto dal 2014 a Limone sul Garda, località turistica famosa per i limoni, l’olio evo del Garda, i paesaggi, il clima mite. E visto che i turisti (tedeschi prima di tutto) sul lago lombardo-veneto ci vanno per buona parte dell’anno, la concorrenza non manca, ma sembra che Paolo “il baffo” (Gianpaolo Marcolla, titolare del locale) e lo chef Consolini abbiano trovato il modo per distinguersi: in tutta semplicità, promuovendo i prodotti del territorio e mettendo a frutto l’esperienza dello chef, già titolare di una stella Michelin nel precedente ristorante. Ed ecco “La Cantina del Baffo” con le sue erbe del Monte Baldo e il suo pesce fresco di lago, solo per citare due esempi, arricchiti dalla fantasia di uno chef che fa del rispetto della materia prima un obbligo morale.

Written by 

Infermiera prestata alla cucina, porta accanto ai fornelli la stessa precisione della professione. Inizia come Blogger per divertimento, poi diventato un impegno preso molto sul serio, che l’ha portata a collaborare con numerosi magazine online. Il suo è: “meglio innovare con la sperimentazione che stancare con la tradizione”. apelia62@gmail.com

Leggi anche...

CORSO DI AVVICINAMENTO ALLA BIRRA8684687204975274239

Impara a riconoscere e assaggiare una Birra in 5 lezioni. Per i primi 10 iscritti sconto di €50,00.

PER SAPERNE DI PIU’ CLICCA QUI!

Pin It on Pinterest